75% fondo perduto Incentivi PMI Regione Sicilia P.O. Fesr 3.1.1_03

Aiuti per investimenti in macchinari, impianti e beni intangibili, e accompagnamento dei processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale

L’azione, in coerenza con la Strategia Regionale dell’innovazione per la specializzazione intelligente, sosterrà l’upgrade tecnologico nei settori produttivi tradizionali.
Gli aiuti riguardano  investimenti in attività materiali e/o immateriali per installare un nuovo stabilimento, ampliare uno stabilimento esistente, diversificare la produzione di uno stabilimento mediante prodotti nuovi aggiuntivi o trasformare radicalmente il processo produttivo complessivo.

Gli investimenti potranno essere finalizzati a: 
• ridurre gli impatti ambientali dei sistemi produttivi; 
• supportare l’adozione delle tecnologie chiave abilitanti nei processi produttivi coerentemente con la strategia regionale dell’innovazione per la specializzazione intelligente; 
• ampliare la gamma di prodotti e servizi offerti focalizzandosi su quelli meno esposti alla concorrenza internazionale;
• adottare nuovi modelli di produzione o modelli imprenditoriali innovativi; 
• orientare la produzione verso segmenti di più alta qualità; 
• adottare nuovi modelli organizzativi, di gestione e controllo, ad esempio quelli previsti dal decreto legislativo n. 231/2001;
• attivare relazioni stabili con altre aziende; 
• migliorare i tempi di risposta e di soddisfacimento delle esigenze dei clienti; 
• migliorare la sicurezza delle imprese.

L’azione intende inoltre promuovere forme di collaborazione duratura e strutturata tra gruppi di imprese organizzate su base territoriale, settoriale e di filiera (filiere, reti, distretti, ecc) nella consapevolezza che la sopravvivenza delle PMI sul mercato è spesso resa possibile proprio grazie alla costituzione di tali forme aggregative.

Sono ammissibili i seguenti costi: 
a) Impianti;
b) Macchinari; 
c) Attrezzature; 
d) Servizi di Consulenza e di sostegno all’Innovazione (tali servizi non sono continuativi o periodici ed esulano dai costi di esercizio ordinari dell’impresa connessi ad attività regolari quali la consulenza fiscale, la consulenza legale o la pubblicità). 

Non sono ammissibili a contributo FESR

a) Interessi passivi, ad eccezione di quelli relativi a sovvenzioni concesse sotto forma di abbuono di interessi o di bonifico sulla commissione di garanzia;
b) Imposta sul valore aggiunto salvo nei casi in cui non sia recuperabile a norma della normativa nazionale sull'IVA. 
c) Acquisto di mezzi targati.

Soglia di investimento:
Minimo 30.000,00 massimo 250.000,00

Intensità massima di aiuto: 75% dei costi ammissibili in De minimis: (200.000 EUR in tre anni).

Documenti

0 Commenti

Ultime News

dummy