Al via 150 milioni del “Fondo per la crescita sostenibile”

Il nuovo intervento per agevolare tutti i grandi progetti di ricerca e sviluppo del settore delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione elettroniche (ICT), coerenti con l’Agenda digitale italiana.

Predisposto dal Ministero dello Sviluppo Economico, è attivo il nuovo intervento che mette a disposizione 150 milioni di euro del Fondo per la crescita sostenibile finalizzato ad agevolare le proposte di innovazione delle imprese di piccola e media dimensione negli specifici ambiti tecnologici, individuati dal programma europeo “Horizon 2020”.
Il bando, adottato con Decreto Ministeriale 15 ottobre 2014 e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 282 del 4 dicembre 2014, ha lo scopo di promuovere e agevolare tutti i grandi progetti di ricerca e sviluppo del settore delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione elettroniche (ICT), coerenti con l’Agenda digitale italiana.
La dotazione finanziaria del nuovo intervento è pari a 150 milioni di euro e possono essere integrate da ulteriori risorse finanziarie comunitarie ovvero dalle risorse del Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e gli investimenti in ricerca istituito presso la Cassa depositi.

Beneficiari
Posso beneficiare delle agevolazioni una platea articolata di soggetti, comprendenti oltre alle imprese commerciali e industriali ( comprese quelle artigiane), anche le imprese agro-industriali che svolgono prevalentemente attività industriali, gli organismi e i centri di ricerca. Inoltre, per garantire una maggiore efficacia della misura agevolativa vengono inclusi tra i soggetti beneficiari anche imprese start-up innovative.

Progetti ammissibili
I progetti ammissibili alle agevolazioni devono prevedere la realizzazione nel territorio italiano di progetti di ricerca e sviluppo nel settore delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione elettroniche (ICT).

Ammissibilità alle agevolazioni
I progetti considerati ammissibili alle risorse del fondo devono:
a) prevedere spese ammissibili non inferiori a euro5.000.000,00 (cinquemilioni/00) e non superiori a euro40.000.000,00 (quarantamilioni/00);
b) essere avviati successivamente alla presentazione della domanda di agevolazioni;
c) avere una durata non superiore a 36 mesi. Su richiesta motivata del soggetto beneficiario, il Ministero può concedere una proroga del termine di ultimazione del progetto non superiore a 12 mesi.

Spese ammissibili
Sono ammissibili alle agevolazioni le spese e i costi relativi a:
a) il personale dipendente del soggetto proponente o in rapporto di collaborazione con contratto a progetto;
b) gli strumenti e le attrezzature di nuova fabbricazione, nella misura e per il periodo in cui sono utilizzati per il progetto di ricerca e sviluppo;
c) i servizi di consulenza e gli altri servizi utilizzati per l’attività del progetto di ricerca e sviluppo;
d) i materiali utilizzati per lo svolgimento del progetto.

Agevolazioni concedibili
Le agevolazioni sono concesse nella forma del finanziamento agevolato per una percentuale nominale delle spese ammissibili complessive articolata, in relazione alla dimensione di impresa, come segue:
a) 60 per cento per le imprese di piccola e media dimensione;
b) 50 per cento per le imprese di grande dimensione.


Per maggiori info, scarica l’allegato del Decreto Ministeriale.

Documenti

0 Commenti

Categorie: Kappadue Business NewsNumero di visite: 5140

Tags:

Ultime News

dummy